LA SCONFITTA INIZIALE ESCLUDE I RAGAZZI DALLE PRIME QUATTRO

Weekend senza sosta Carnago (VA). Una partita dopo l’altra con le migliori giovanili del paese. SV Sterzing, ASC Algund, SSV Diamante, Leifers dal trentino, i Dragons con un mix di Sesto San Giovanni e Varese, Ciampino e  i nostri giovani Viking dal centro Italia.

La Coppa Italia Juniores è per molti giovani il primo vero approccio al campo grande. Tra i nostri Salvagno, Ciotti, Procaccianti,  Petese, Vannozzi e Savino che giocano delle ottime partite.

VIKING ROMA – ALGUND 2 – 4 (1-2, 1-2)

Prima partita. Quella che dà l’accesso alle prime quattro posizioni della classifica finale. L’avversario ha già una buona esperienza del campo grande e giocatori di ottimo livello che lo hanno portato al secondo posto del campionato italiano U19.

Dopo i primi 5 minuti per sgranchire le gambe e liberare la mente, una deviazione fortuita sul petto di Zanella N. fa carambolare la palla nella nostra porta difesa dal giovane Panti. I nostri non si abbattono, ma non riescono ad uscire dalla propria metà campo perché il pressing avversario è estenuante. Un’ingenuità avversaria ci permette di giocare in superiorità numerica e finalmente troviamo un varco, l’asse Zanella F. – Sorte S. non sbaglia l’occasione e porta il parziale sull’ 1-1. La partita è un continuo cambio di fronte e gli avversari sembrano più pericolosi. Nell’ultimo minuto del primo periodo un tiro perfetto di Algund manda le squadre al riposo sull’ 1-2.

Si riapre l’incontro con un tiro rasoterra da metà campo che si infila nell’angolo basso del lato non protetto dal nostro portiere. Andiamo ancora sotto di due goal. A 5’ una punizione ben eseguita ci riporta a meno uno dagli altoatesini, goal di Savino su assist di capitan Zanella N. I nostri sentono di poter dare qualcosa in più e si portano in attacco con un pressing a tutto campo, ma questo lascia agli avversari pericolosi contropiedi e al 9’ il migliore dei loro si trova davanti la nostra porta e non sbaglia. 6’ minuti per recuperare due lunghezze, il gioco si fa’ più concitato e al limite del regolamento. A 3’ dalla fine coach Fazzi inizia a togliere il portiere e giocare con un uomo di movimento in più , ma i ragazzi non riesco a espugnare la fortezza avversaria. Ad un minuto dallo scadere Salvagno in un eccesso di agonismo gioca la pallina da terra e viene espulso per il resto della partita. Ormai giochiamo senza portiere per poter giocarsela almeno alla pari, ma una palla persa a centro campo mette davanti la nostra porta vuota il capitano avversario che colpisce inaspettatamente il palo. I nostri si entusiasmo e si scagliano contro la porta avversaria. La squadra avversaria blocca la nostra ripartenza commettendo un brutto fallo sul nostro capitano e gli ultimi 30’’ siamo in un ipotetico power- play poiché continuiamo a giocare senza portiere e cinque giocatori di movimento. Purtroppo non basta nemmeno ad accorciare le distanze e la partita finisce 2 a 4 per Algund.

VIKING ROMA – DRAGONS  3 – 1 (0-2, 1-1)

Seconda partita di giornata contro la squadra mista di Varese e Sesto San Giovanni che hanno mancato la prima partita contro la prima squadra di Diamante.

Nei primi minuti della partita le squadre si studiano, senza affondare il colpo, poi Viking con Zanella F. dopo una serie di dribling la insacca alle spalle di Sartori. I nostri sono sempre molto pericolosi, ma subiscono troppo spesso le ripartenze avversarie per banali disattenzioni ed errori in fase di uscita. Il loro numero 3 Ghislanzoni, è troppo spesso lasciato indisturbato nello slot, ma per nostra fortuna trova un sempre attento Petese tra i pali. Al 5’ Sorte D. reo di un eccessivo agonismo colpisce ripetutamente il bastone di un avversario  e lascia la squadra in inferiorità numerica. Poco male, perché i nostri ragazzi in 4 riescono a raddoppiare con Zanella F. assistito dal fratello Zanella N. Finisce il primo periodo con la nostra porta inviolata e un box-play eccellente.

In capo per i successivi 15 minuti e subito altri 2’ di penalità per Sorte D. che non sembra aver placato i bollenti spiriti. Ancora un eccellente box-play giocato dai nostri più esperti, Murace, Sorte S., Zanella F. e Zanella N. che non subisco, ma controllano benissimo il gioco. Il ritmo si abbassa, la stanchezza inizia a farsi sentire e il gioco si frammenta con continue sciocche infrazioni. Gli ultimi 3 minuti regalano, però, ancora un goal di Zanella F. su assist di Simone S. ed un goal  per gli avversari con Marangon che da solo davanti a Petese non sbaglia. Finisce così la seconda partita che ci dà l’accesso alla finale per il 5° e 6° posto.

VIKING ROMA vs CIAMPINO 2 – 1 (0-1, 1-1)

Lontani da casa ma sempre con I nostri cugini di Ciampino. La partita vale il quinto posto assoluto nella coppa. La partita inizia a ritmi bassi e con i giocatori ancora infreddoliti dalla lunga notte piovosa. I nostri ragazzi si sentono molto sicuri visti i buoni risultati in amichevole contro gli stessi avversari e con un Ciampino a ranghi ridotti. Passano i primi sei minuti senza troppe emozioni e un risultato bloccato sullo 0-0. A 6’42’’ arriva il primo goal della  partita su azione solitaria di Simone Sorte che approfitta di una disattenzione della difesa ciampinese. Viking prende coraggio e controlla il gioco senza mai colpire la porta avversaria. Al 12’ Vannozzi blocca fallosamente un contropiede di Ciampino e viene espulso per 2’. In quattro ma senza affanni grazie all’ottima prestazione dei fratelli Zanella, Murace  e Sorte S., poi una serie di incomprensioni tra il nostro capitano e il direttore di gara riguardo ad una distanza scorretta porta ai nostri un’altra inferiorità numerica di 2’. Coach Fazzi infuriato contro l’arbitro prende anche lui una penalità di 2’ e in panca puniti vanno a sedersi ben tre Vikinghi. Niente paura perché Sorte S. , Zanella F. e  Murace bloccano ogni offensiva avversaria, riuscendo a rendersi anche pericolosi. Finisce il primo periodo con il risultato di 1 a 0 per Viking e solo 3 giocatori di movimento a difendere la porta di Manca.

Rientriamo in campo con ancora pochi minuti di inferiorità e chiudiamo ottimamente il box-play. La partita non regala nessun altro goal fino al 13’ minuto con il pareggio di Arcari che spaventa l’incredula formazione gestita da coach Fazzi. I Viking sanno di non poter perdere questo incontro e andare ai rigori che renderebbe il risultato troppo incerto. Manca un minuto alla fine e Zanella F. inventa uno strepitoso goal che sancisce il risultato finale  di 2 – 1 per Viking.

Peccato per la prima partita che ci ha portato nella zona bassa della classifica finale. Forse meritavamo di più e potevamo essere più cinici e determinati. Dobbiamo lavorare sodo per poter raggiungere un livello generale più competitivo e far affiatare un gruppo che siamo certi darà grosse soddisfazioni nei prossimi anni.


Complimenti a Sterzing che vince anche questa edizione della Coppa Italia con uno scontro portato fino al sesto rigore contro la prima squadra di SSV Diamante. Il ringraziamento finale va, come sempre, alle società organizzatrici dell’evento che hanno permesso il buon svolgimento della competizione.

Lascia un commento